La migliore cioccolata fondente a Bergamo, da La Pasqualina

Una cioccolata calda extra fondente da La Pasqualina, nel centro di Bergamo, è l’appuntamento fisso dell’inverno. E il più goloso. Potrei elencare tanti posti in cui bere una buona cioccolata, ma questo locale ha qualcosa di più. Il sapore del cioccolato è più intenso. Il servizio è perfetto. E la storia della Pasqualina è una di quelle che si ascoltano con piacere. Ma prima di raccontarvela, voglio chiacchierare un po’ di uno dei miei alimenti preferiti: il cioccolato.

La cioccolata fondente della Pasqualina

I segreti del cioccolato

Sappiamo tutti che il cacao arriva dall’America Centrale, dove le civiltà precolombiane dei Maya e degli Aztechi lo consideravano una risorsa preziosa per molti motivi. Era un bene di scambio, una ricchezza individuale, ma anche e soprattutto una pianta dai grandi poteri curativi. Il cacao, o Xocoatl (da cui “cioccolato”) veniva utilizzato per preparare bevande a cui si aggiungevano anche le spezie, la vaniglia e il miele. La bevanda degli dei. Lo zucchero non era disponibile, perciò il sapore non era dolce. In Europa, in cacao arrivò nel 1502, ma la prima barretta di cioccolato fu prodotta in Belgio nel 1900. Finalmente, gli studi hanno confermato che il cioccolato fondente è un super food che contiene antiossidanti, stimola la circolazione, aiuta il cuore e l’umore.

La cioccolata calda, meraviglia d’inverno

D’estate, la stagione che (da amante del freddo) sopporto di meno, la mia unica consolazione è nutrirmi di gelato al cioccolato fondente. Quello di Massimo, soprattutto. Quando finalmente arriva il gelo invernale, comincia invece il periodo della cioccolata calda. E la Pasqualina diventa una delle mie mete preferite. Il locale, bianco e verde, arredato in stile minimal, si trova a Bergamo Bassa, proprio in centro. Ma bisogna andarselo a cercare, perché non si vede passando. Eppure è sempre pieno. Il motivo è comprensibile: personale gentile e prodotti deliziosi. La cioccolata fondente al 71%, con o senza latte, mette alla prova gli amanti del cioccolato. Perché è forte. Intensa. Avvolgente. Ne esiste anche una versione classica, meno forte; una al peperoncino; e la cioccolata bianca al tè Matcha, altra bevanda da provare. Soprattutto per gli amanti del tè. 

Tè e torte da La Pasqualina 

La storia della Pasqualina è dolce come le torte esposte all’ingresso, una più invitante dell’altra. Comincia molte generazioni fa, nella bergamasca, con una famiglia che aveva un’osteria. L’unica con un televisore. Ne hanno fatta, di strada, i discendenti.  Potete leggere la storia sul loro sito, dove hanno messo a disposizione un bellissimo libro fotografico. Perdetevi nelle parole di chi racconta questa avventura attraverso il tempo, tra nonni, nipoti, passeggiate nei boschi e brioche fatte in casa. Brioche e torte, in effetti, sono un altro buon motivo per fare merenda qui. Il plumcake al cioccolato e tè verde, la margherita all’olio di oliva, la torta di mele e quella alle carote sono realizzate con ingredienti scelti con cura. Ad accompagnarle, i tè della Pasqualina, rigorosamente in foglie, serviti nelle teiere giapponesi. 

I tè e le torte della Pasqualina

L’irresistibile richiamo dei biscotti

Dopo la merenda, prima di uscire, non posso resistere al richiamo dei biscotti da portare via. Sono esposti sugli scaffali nei sacchetti trasparenti: al kamut, con mandorle italiane e vaniglia, con le nocciole delle Langhe. Fragranti, artigianali. La collaborazione con grandi maitre chocolatier e l’amore per gli ingredienti semplici si sono uniti nei prodotti in vendita, dai quadrati di cioccolato alla crema di nocciole. Nelle giornate meno fredde bisogna invece ordinare una delle loro specialità a base di gelato. Yogurt, frutta, creme e sorbetti, accostati a una base di torta sbriciolata e frutta fresca. In ogni caso, dalla Pasqualina si esce sempre di buon umore.

DOVE SI TROVA

La Pasqualina è in via Borfuro 1, a Bergamo. All’inizio della zona pedonale (via XX Settembre), prendete via Borfuro e girate subito a destra, sotto un portico dove si trova un negozio di abbigliamento per bambini. I barattoli bianchi di tè in vetrina vi indicheranno la strada.

La Pasqualina esiste anche a Porto Cervo, in Sardegna, e ad Almenno San Bartolomeo (BG), dove la sua storia è iniziata.

  1. Adoro posti come questo, dove al comfort food per eccellenza, come il cioccolato, si aggiungono le coccole di un servizio quasi d’altri tempi 💟
    Se non fosse per i chili di troppo credo che d’inverno potrei vivere di cioccolata calda 😂
    Ciao cara, un abbraccio!

    • Blueberry Stories

      Non dirlo a me! Io senza cioccolato non comincio neanche a ragionare. Che mondo sarebbe, senza…
      Hai ragione, comfort food di qualità e coccole, è proprio questa la chiave del successo del locale.
      Un abbraccio a te!

  2. Tu hai veramente talento per trovare i posti che hanno un’anima, un’atmosfera e gusti stupendi da donare! Questo locale e i suoi prodotti, mi hanno fatto letteralmente venire l’acquolina in bocca, anche perché io sono super golosa. Di recente ho scoperto lo yogurt bianco, cosparso di cioccolato caldo e granella…ho pensato di prendere d’assedio il locale e ciaone a tutti!
    Nonostante il freddo, sto ancora riflettendo sull’abbinamento di gelato allo yogurt, frutta, creme e sorbetti con la torta sbriciolata 😍 Non riesco nemmeno ad immaginare che esplosione di bontà!
    Un abbraccio,
    Claudia B.

    • Blueberry Stories

      Ahahah! Io nonostante il freddo mi sono buttata su un loro dolce con base crumble, gelato allo yogurt e frutti di bosco: buonissimo, anche se poi avrei volentieri aggiunto una cioccolata bollente 😀
      Grazie Cla, mi impegno (volentieri, devo dire) a cercare i posticini di cui parlare… perché secondo me rendono le giornate migliori. Nella monotonia quotidiana, la pausa dolce regala un momento di gioia.
      Un abbraccio a te!

  3. Questo locale mi ricorda un po’ un posto della mia città, dove fanno una cioccolata calda strepitosa e dei pasticcini buoni da morire, in un contesto vagamente fuori moda ma molto affascinante. Anzi mi sa che più tardi vado a fare una pausa cioccolata + panna 😉

    • Blueberry Stories

      Ma io devo venire a provare quella cioccolata con pasticcini! Poi mi devi dare l’indirizzo, che caso mai capitassi dalle tue parti… mi fiondo! (e ti invito)

Rispondi